La poetica dello spazio: Carlo Scarpa a Venezia


La composizione dei dettagli e il dialogo col passato

Venezia, tra i monumenti più famosi e il caos dei turisti, nasconde dei piccoli angoli d’architettura magistrale. Alcuni di essi, incastrati tra edifici antichi oppure bagnati dall’acqua della laguna, sono opere di Carlo Scarpa, uno dei più grandi maestri di architettura e di eleganza del Novecento.

Scarpa, nato a Venezia nel 1906 e morto in Giappone nel 1978, possedeva il raro talento di sapersi inserire in un contesto storico con una raffinatezza senza pari. I suoi interventi non sono semplici ristrutturazioni o riqualificazioni, ma composizioni di materiali e di luci che trasformano gli spazi in percorsi di riflessione. L’attenzione per il dettaglio più banale, come il cardine di una porta o il gradino di una scala, è per lui l’anima dell’architettura, insieme alla possibilità di movimento del visitatore.

Inoltre, nella città dell’acqua non può mancare un continuo riferimento a questo elemento: nel Negozio Olivetti vi è la porta dell’acqua sul retro, il monumento alla Partigiana, con la statua di Augusto Murer, fluttua tra le onde della laguna, l’acqua del canale entra tra le stanze della Fondazione Querini Stampalia e, infine, l’acqua piovana può ristagnare tra le pieghe del portale adagiato all’ingresso dello IUAV.

Se vi sono delle parti originali, vanno conservate; qualunque altro intervento deve essere disegnato e pensato in maniera nuova. Non si può affermare: “Io faccio il moderno – metto acciaio e cristalli”; può andare meglio il legno, oppure potrebbe essere più adatta una cosa modesta. Come si possono affermare certe cose, se non si è educati? educati, come dice il Foscolo, “alle istorie”, cioè ad una vasta conoscenza? se non vi è una educazione al passato?

Carlo Scarpa

di Sofia Nannini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...