Staveco: nuova rigenerazione urbana


La rinascita dopo l’abbandono

Tra porta Castiglione e porta san Mamolo, lungo i viali della nostra città, un muro, nascosto dietro ad una trama di impalcature, silenziosamente osserva il continuo traffico di automobili e biciclette. Due i varchi: l’entrata in un parcheggio, punto di accesso per il centro storico, e un portone sempre chiuso, con una scritta: STAVECO.

Porta d'ingresso alla Staveco

Porta d’ingresso alla Staveco

Questo vuoto urbano, a cui gli abitanti di Bologna si sono così tristemente abituati, un tempo era il fulcro dell’attività militare della zona. Infatti, lo Stabilimento per Veicoli da Combattimento, ex Pirotecnico, è stato attivo in città fino alla seconda guerra mondiale. Ricchissima di architetture industriali e in una posizione unica, l’area STAVECO ha conosciuto un lungo periodo di abbandono, celata dagli alti muri che l’hanno fisicamente allontanata dai pensieri dei bolognesi.

In realtà, i sogni di riqualificazione di quest’area pedecollinare sono sempre stati parte dell’immaginario accademico, degli studenti e dei docenti della non lontana scuola di Ingegneria e Architettura. La vocazione universitaria della STAVECO era nota già dopo la prima guerra mondiale: essa era stata presa in considerazione, infatti, come possibile luogo in cui edificare la nota sede della facoltà di Ingegneria, opera di Vaccaro.

Staveco, vista aerea

Staveco, vista aerea

Per decenni, solo parole e progetti studenteschi: ma oggi le dinamiche sono cambiate. L’area è passata sotto la proprietà dell’Alma Mater, la quale ha in mente di recuperare gli edifici dismessi per la creazione di un campus d’eccellenza.

La STAVECO è la vera porta per la collina bolognese: essa rappresenta il collegamento diretto tra la chiesa di San Michele in Bosco e il centro storico.

Proprio per le sue caratteristiche urbanistiche e storiche, il Dipartimento di Architettura e il Dipartimento di Ingegneria Civile, Chimica, Ambientale e dei Materiali dell’Università di Bologna hanno svolto approfondite ricerche sulle possibilità di riuso della zona e, in collaborazione con numerosi studi architettonici della città, hanno offerto una ricca gamma di proposte progettuali per dare vita al nuovo cuore pulsante del mondo accademico bolognese.

Come se fosse una città dentro la città, l’idea generatrice è quella di mantenere gli edifici presenti e le percorrenze interne, senza snaturare la storia del luogo. Inoltre, fondamentale sarebbe il richiamo alla collina, sottolineato da un collegamento pedonale, diretto e immerso nel verde, con San Michele in Bosco.

Tasca Studio - Parcheggi e passeggiata verso la collina

Tasca Studio – Parcheggi e passeggiata verso la collina

Numerose le nuove destinazioni d’uso per gli edifici abbandonati: residenze per il Collegio Superiore, mense, aree sportive, parcheggi, mercati, biblioteche. La rigenerazione dell’ex Pirotecnico dovrà essere di tipo culturale, per questo motivo si è pensato anche a spazi espositivi, al Museo dell’Eccellenza dell’Alma Mater Studiorum e a un centro interreligioso.

Marazzi Architetti - Museo dell'eccellenza Alma Mater Studiorum

Marazzi Architetti – Museo dell’eccellenza Alma Mater Studiorum

Zamboni Associati Architettura - Centro interreligioso

Zamboni Associati Architettura – Centro interreligioso

L’area STAVECO, come purtroppo moltissime aree militari in tutta Italia, ha conosciuto per decenni l’abbandono e ora, finalmente, vi è di nuovo l’opportunità di darle un giusto carattere, di renderla sfondo della vita studentesca bolognese, che da sempre anima questa città.

L’attenzione con la quale i vari docenti e progettisti si sono avvicinati agli edifici preesistenti, riutilizzando i loro spazi senza annientarli, è sicuramente segno di un nuovo modo di fare architettura – un’architettura colta, ragionata e, soprattutto, che è in grado di riportare in vita i vuoti urbani che troppo spesso siamo costretti a ignorare.

di Sofia Nannini

2A+P - Spazi per eventi ed esposizioni temporanee

2A+P – Spazi per eventi ed esposizioni temporanee

Rizoma Architetture - Spazi per studenti

Rizoma Architetture – Spazi per studenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...